Notizia

Cellnex acquisisce Alticom e consolida la sua posizione in Olanda

Un importante rafforzamento nell’ecosistema delle reti 5G

 

Alticom gestisce 30 torri e siti per le telecomunicazioni di grande portata e capacità dedicate al supporto di strumenti di trasmissione degli operatori voce, dati e contenuti audio-video

  • L’acquisizione di Alticom, così come quella di CommsCon in Italia a giugno 2016, aggiunge nuova capacità all’ecosistema 5G di Cellnex:
    • Alcune chiavi per sviluppare il 5G saranno, da un lato, le reti DAS e small cells di cui CommsCon è uno dei principali esperti in Europa, e dall’altro i nodi di infrastruttura di grande capacità e portata sul territorio, come quelli gestiti da Alticom, che offrono una latenza (velocità di risposta) di quasi 1 millisecondo e che richiede una rete dati basata sul 5G.
  • L’investimento, di circa 133 milioni di euro, rafforza e consolida la presenza di Cellnex nei Paesi Bassi.
  • Alticom gestisce 30 infrastrutture di grande capacità e portata che coprono tutto il territorio olandese. Consentono inoltre di ospitare strumenti di trasmissione di telecomunicazioni wireless; servizi di localizzazione e l’acceso al “backbone” in fibra ottica.
  • La società vanta tra i suoi clienti tutti gli operatori di telecomunicazione e radiodiffusione in Olanda con cui ha contratti che oscillano tra i 5 e i 10 anni.
  • Cellnex prevede un Ebitda per l’esercizio 2018 di circa 11,5 milioni di euro. L’acquisizione sarà finanziata attraverso l’utilizzo di cassa e linee di credito già esistenti.

 

Barcellona, 4 settembre 2017 –  Cellnex Telecom ha siglato un accordo per l’acquisizione da Infracapital dell’operatore olandese di infrastrutture di telecomunicazioni Alticom. L’operazione, che integrerà 30 nuovi torri e infrastrutture di grande capacità e portata su tutto il territorio dei Paesi Bassi, prevede un investimento di 133 milioni di euro e un Ebitda per Cellnex, nel 2018, di 11,5 milioni di euro.

L’integrazione di Alticom rafforza e consolida la posizione di leadership di Cellnex Telecom tra gli operatori indipendenti di infrastrutture di telecomunicazioni che operano di Olanda. La rete di infrastrutture di grande portata (torri di grandi dimensioni e capacità di alloggiamento di strumenti) di Alticom ospita strumenti di trasmissione wireless voce, dati e contenuti audio-video e completa la rete di 758 siti urbani e rurali che Cellnex Netherlands già oggi gestisce.

Le caratteristiche delle strutture di Alticom sono un elemento chiave nel futuro dispiegamento del 5G in quanto hanno la capacità – oltre alla connessione al “backbone” in fibra ottica – di ospitare server remoti o “cache” (cashing servers) che offrono la capacità di processo e memorizzazione dati agli utenti finali delle applicazioni basate sul 5G, che stanno per moltiplicare esponenzialmente traffico dati e requisiti di un numero di persone e dispositivi connessi: si stima circa 50 miliardi entro il 2020.

 

Cellnex e l’ecosistema relativo al 5G

“L’acquisizione degli asset di Alticom in Olanda – commenta Tobias Martinez, Amministratore Delegato di Cellnexapporta peso e solidità alla nostra attività nei Paesi Bassi perché incorporiamo un’attività continuativa con flussi di cassa prevedibili di medio e lungo periodo. Una nuova scommessa, dopo l’acquisizione di CommsCon in Italia nel 2016, per l’ecosistema 5G nel quale Cellnex sta lavorando intensamente”.

Il 5G prevede un’esplosione in termini di connettività con una crescita del traffico dati in mobilità del 600% nei primi 5 anni (gran parte di questo dovuto ai contenuti audio-video); una velocità di connessione 1.000 volte superiore a quella del 3G e una latenza o velocità di risposta di circa 1 millisecondo (100 volte inferiore al 4G)

Una strategia chiave nel dispiegamento del 5G sarà sicuramente la risposta tecnologica alla “latenza” – prosegue Tobias Martinez. L’architettura della rete richiederà infatti la necessità di ridurre l’ampiezza delle  celle o zone di copertura che saranno così coperte da antenne con una rete molto più densa in base a “sistemi distribuiti di antenne” (DAS – Distributed Antennae Systems) come quelle gestite da CommsCon, società del gruppo Cellnex; inoltre, l’incremento della capacità di elaborazione e memorizzazione dei dati e di connettività attraverso la fibra per i contenuti che necessitano di banda larga – anche conosciuta come “caching servers” (server remoti o cache) – dovrà avvenire a distanze tali da assicurare che l’emissione e la ricezione dei dati si susseguano con la velocità di risposta necessaria. Questo punto in particolare è uno degli aspetti su cui Alticom sta lavorando grazie alla sua esperienza che ovviamente si andrà a sommare all’esperienza e al know-how dell’ecosistema 5G di Cellnex”.

I siti Alticom coprono radio di 15 km, che a loro volta consentono loro di fornire connettività e servizio wireless a quasi il 60% di siti e torri –fino a 15.200 in Olanda– con copertura di raggio inferiore.

 

 

 

 

Il mercato olandese

Il mercato olandese di infrastrutture per la telefonia mobile è composto da tre operatori che gestiscono un totale di 1.500 siti – tra cui si trovano i 758 che Cellnex gestisce oggi nel paese a cui si sommeranno ora i 30 di Alticom – che completano la rete propria delle tre principali compagnie di telefonia del paese (KPN, TMobile e Vodafone), a cui si aggiunge Tele2 che presta i suoi servizi unicamente in 4G. L’Olanda conta un totale di 15.200 siti su tutto il suo territorio.

L’Olanda  –con un rating paese AAA–  è uno dei paesi europei con maggior penetrazione della banda larga mobile basata sul 4G. Una copertura che per i quattro operatori di telefonia mobile presenti nel paese oscilla tra il 92% e il 99%. Questo dispiegamento è stato realizzato, fondamentalmente, sulla base dei siti già esistenti per il 2G e il 3G. Come per la gran parte dei paesi europei, il miglioramento della copertura per rendere possibile l’esperienza dell’accesso in mobilità ai contenuti di banda larga in aree con un gran numero di utenti simultanei, costituisce una delle sfide del futuro. In tal senso una maggior densità e una maggior capillarità di rete mediante il dispiegamento delle “small cells” e dei sistemi distribuiti di antenna (DAS in inglese), nei prossimi anni sarà uno dei vettori di crescita sul mercato olandese.

 

Riguardo a Cellnex Telecom

Cellnex Telecom è il principale operatore indipendente europeo d’infrastrutture di telecomunicazioni wifi, con un portafoglio totale di oltre 21.000 siti, inclusi i nodi DAS (Distributed Antenna System) gestiti da CommsCon, e gli asset che sono in fase di integrazione in Francia. Cellnex ha chiuso l’esercizio 2016 con ricavi per 707 milioni di euro (+15%), un Ebitda di 290 milioni di euro (+23%). e un risultato netto di 40 milioni. Cellnex è prresente in Italia, Spagna, Francia, Paesi Bassi e UK.

Cellnex opera su tre aree distinte: infrastrutture per la telefonia mobile; reti di diffusione audiovisiva; servizi di reti di sicurezza e emergenza e soluzioni per la gestione intelligente delle infrastrutture e servizi urbani (smart cities e lnternet delle cose  “IoT”).

 

                                                   




Related content